Forum Donne motore della ripresa

  Data inizio: 09/05/2014, 09:00

  Data fine: 09/05/2014, 18:00

1° Forum nazionale “DONNE MOTORE DELLA RIPRESA”

Estratto dalla Relazione  della Presidente Patrizia Di Dio 

Puntare sulle donne è conveniente.

È conveniente per l’economia, è conveniente per l’Italia.     

Più lavoro delle donne equivale a più crescita.

Recenti proiezioni OCSE rivelano che se nel 2030 la partecipazione femminile al lavoro raggiungesse i livelli maschili, la forza lavoro italiana crescerebbe del 7% e il PIL pro-capite crescerebbe di 1 punto percentuale l’anno.

Facendo un bilancio sul 2013 da fonte  Unioncamere emerge che le piccole e medie imprese a guida femminile  resistono alla crisi più di quelle maschili. 

I dati  dell’osservatorio Censis  dell’imprenditoria femminile del nostro settore  presentato in occasione del forum “donne motore della ripresa” denotano come nello scenario a tinte fosche sia comunque rilevante la componente femminile soprattutto nei settori del commercio , dei servizi, del turismo.

Non nascondiamoci dietro un dito: si assottiglia la base imprenditoriale per effetto della tremenda crisi che il Paese sta attraversando, e si registra un’emorragia di imprese, incluso quelle femminili. Ma a fronte di una diminuzione  di 158.000 imprenditori, (quindi -5%), tra le donne le perdite sono state inferiori sia in termini assoluti ( -47.000  imprenditrici) che relativi ( -3,5%). Ma questo ha comportato l’effetto di una crescita seppur lieve del livello di femminilizzazione della nostra imprenditoria: l’incidenza delle imprenditrici sul totale degli imprenditori è oggi giunta al 30,1% per quello che riguarda i nostri settori. Ecco che quindi puntare sull’imprenditoria femminile è conveniente per l’economia, è conveniente per l’Italia.      

Le donne costituiscono il prezioso capitale sommerso che va valorizzato per restituire all’Italia una nuova chance. Il mercato è meritocratico, premia le capacità imprenditoriali, il know how, senza guardare al sesso, alle etnie, alla religione. Perciò, quando ci sono buone idee e il giusto modo di tradurle in impresa, i risultati premiano le donne così come farebbero con un qualsiasi imprenditore.

Questi dati – più di tante parole – ci dicono tutto della capacità dimostrata dall’imprenditoria femminile di affrontare e gestire l’attuale e difficile fase economica con intelligenza, lungimiranza e determinazione.

Donne coraggiose che, ad onta della crisi, hanno scelto la strada dell’impegno imprenditoriale perché convinte di poterla percorrere dando il meglio di sé. 

Donne portatrici di una fiduciosa volontà di cambiamento, dunque, a livello sia personale che economico-sociale: che è esattamente ciò di cui il nostro Paese ha oggi soprattutto bisogno.

A questa nostra “certezza di futuro” il nostro Sistema Paese deve positivamente e urgentemente rispondere.  

Se continuerà a mancare un’adeguata valorizzazione del capitale umano e professionale rappresentato dalle donne, ed in particolare dalle imprenditrici, sarà una perdita colossale per la nostra stessa  economia. Il nostro Paese, la nostra società, la nostra economia, non possono permettersi di tenere chiuso in soffitta, ad ammuffire, questo enorme potenziale di idee, talento, creatività, energia; questa fonte straordinaria di crescita e di sviluppo occupazionale, di benessere familiare e di coesione sociale, di imprenditoria aggiuntiva e finanche di irrobustimento della massa fiscale e previdenziale. 

Per l’imprenditoria femminile è ancora più difficile che per le altre imprese ottenere credito.

Con l’osservatorio del credito di Confcommercio e la sezione dedicata all’imprenditoria femminile è emerso che per le donne i tempi di risposta si allungano, si chiedono garanzie maggiori, costi di commissioni e interessi più alti: insomma l’imprenditoria femminile ha ancora più ostacoli.

Ci stiamo battendo affinché l’accesso al credito per le donne sia più adeguato e con costi migliori rispetto allo standard visto che le imprese femminili è dimostrato che sono più solvibili a dispetto invece dell’atteggiamento di pregiudizio latente  che le  tratta come fragili e più rischiose.

È anche grazie al terziario donna se  dallo scorso 14 gennaio il fondo speciale di garanzia,  opportunità prevista dalla Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Pari opportunità del Fondo di Garanzia per le PMI -espressamente dedicato alle donne è  operativa e diretta.  

E ancora un segnale positivo potrebbe essere in questo panorama il protocollo d’intesa fra Ministero per lo sviluppo economico, Dipartimento per le pari opportunità e ABi, Confindustria, RETE II, Alleanza delle cooperativa italiane per favorire il rapporto fra le banche e le imprese femminili delle quali viene riconosciuta la crescente importanza. Il protocollo invita le banche a rendere più facile l’accesso al credito delle imprese a prevalenza femminile di tutti i settori istituendo un plafond dedicato. Fissa un sistema di adesione per le banche interessate e istituisce un tavolo di monitoraggio fra le parti per verificare l’implementazione dello stesso protocollo. Dovrebbe venir sottoscritto a maggio 2014.

Ma per far nascere un’impresa occorrono risorse economiche. Ecco perché chiediamo fortemente il sostegno dell’imprenditoria femminile, un rifinanziamento della 215 per l’imprenditoria femminile incluso  le start up, perché c’è tanta voglia di fare impresa da parte delle donne e delle giovani. Ben venga se oltre che una soluzione a livello personale diventa un meccanismo di attivazione di economia, di moltiplicatore  economico, di nuovi posti di lavoro, molto spesso al femminile.

Inoltre il nostro Paese ha  bisogno di migliorare le politiche per la famiglia e la conciliazione fra vita e lavoro. Siamo oggi promotrici di una proposta di legge  sullo sgravio fiscale delle spese sostenute dalle imprenditrici per l’aiuto domestico nell’ambito della promozione delle pari opportunità e al fine di incrementare la partecipazione delle donne alla crescita e favorire la ripresa.

 

 

Il Presidente di Confcommercio Carlo Sangalli, con la Presidente Terziario Donna Confcommercio Patrizia Di Dio

 

La Presidente Terziario Donna Confcommercio Patrizia Di Dio

 

 

 

Dott.ssa Agostini, Coordinatrice Donne PD

 

Concetta Giallombardo, Vice Presidente Associazione Giuriste italiane Palermo

 

Dott.ssa Cataldo, Notte di zucchero

 

Dott.ssa Legnaro, Presidente A.F. Petroli S.p.A.

 

Dott.ssa Barbaro, Amministratrice delegata PB Tankers S.p.A.

 

Share
This